Liberro, 7. III. 2020.

   Un tempo, nelle case editrici di libri, esistevano i cosiddetti redattori. Essi seguivano l’iter dei libri, spesso interveniendo sull’autore per migliorare e definire il progetto, la stesura; correggevano l’italiano, lo stile; diventavano dei coautori ignorati dal pubblico.  Oggi si chiamano editor, non senza inutilità del cambiamento di nome. Le loro funzioni si sono allargate a misura del crescere dell’ignoranza degli scrittori; a volte gli editors hanno anche una funzione di cernita e valutazione degli inediti, respingendone la gran parte; inoltre il raggio della loro azione si estende alla vera e propria funzione creativa. Sono fabbricanti di romanzi, saggi e scrittori.

   Vla