“Corriere del Mezzogiorno”, 27. I. 2016.

Scarica il file in formato PDF

Paolo Isotta ha presentato Le serenate del Ciclone di Romana Petri, editore Neri Pozza, alla Galleria napoletana “Blu di Prussia”.

  • Maestro, come mai Lei presenta un romanzo?

Le serenate del Ciclone è un libro magnifico. Romana Petri compie il salto difficile dallo stato di ottimo scrittore a quello di grande scrittore. E poi il libro è solo in apparenza un romanzo.

 

  • Perché?

Del romanzo ha la forma narrativa, la scioltezza; probabilmente molti trapassi sono opera di fantasia. Ma la sostanza è autentica. Le serenate del Ciclone è la storia del padre di Romana, Mario Petri: quindi il libro mi coinvolge come lettore, come storico della musica e, fortemente, da un punto di vista emotivo.

 

  • Ce lo racconta?

Mario Petri è stato uno dei più grandi cantanti lirici degli anni dai Cinquanta ai Settanta. Io ne ebbi la rivelazione mentre preparavo l’esame di maturità classica. A Roma, nella basilica di Santa Maria degli Angeli, il Maestro Siciliani aveva organizzato un’esecuzione in forma di concerto del Mosè di Rossini. Oggi la registrazione è un oggetto di culto. Petri interpretava Faraone e il suo “Venga Mosè” durante la Scena delle tenebre del secondo atto da solo valeva il biglietto! Ma siccome io ho avuto una carriera rapidissima, ho avuto modo, solo otto anni dopo, di scrivere di Mario come critico musicale. E questo è per me un ricordo meraviglioso e a un tempo dolorosissimo.

  • Come mai?

Consiglio a tutti di leggere il libro. Maggio Musicale Fiorentino, 1975. Macbeth di Verdi. Poi quest’Opera l’ho vista tante volte, anche con lo stesso Riccardo Muti sul podio, ma un’emozione simile non l’ho più avuta. C’era Gwineth Jones (in seguito Muti, se si eccettua Fiorenza Cossotto, ha rifatto l’Opera con dei sopranini….), c’era la regia di Franco Enriquez, anch’egli un gigante del teatro. Che uomo affascinante! Non ce ne sono più, non sembri che lo dico perché sono un vecchio: mi raccontò che aveva conosciuto Furtw”angler….. E c’era Mario. Anche nei miei libri narro del brivido che mi diede la sua interpretazione…. Ci ripenso e il brivido sempre mi torna. In quell’occasione lo conobbi, Petri.

  • Siete diventati amici?

Da lontano. Io ero un ragazzo dal carattere rigido. Ma ho seguito da vicino quello che Romana meravigliosamente narra. Mario Petri incominciò a morire proprio con quel Fu l’ultima volta che salì sul palcoscenico.

  • Come, se era stato fantastico come Lei dice?

Proprio per questo. Era stato troppo bravo. E tutti se n’erano accorti. Muti non glielo perdonò. Questo è il punto chiave della vita di Petri. Ma il libro è di 590 pagine: va letto anche per tutto il resto. Mario non era solo una gigante del canto, era un grande uomo. Il racconto della sua vita è così straordinario, e per quel che accade e per come Romana lo fa, che va seguito a passo a passo. Petri fu il baritono prediletto nientemeno che di Karajan. Ma fu pure cantante di canzoni e attore.

  • Davvero?

Si, accadde una cosa incredibile. Era stato all’inizio dei Cinquanta l’amante di Giulietta Simionato. Costei era una vera racchia ma, io la conobbi e la ricordo con repulsione (mi faceva la stessa impressione che fa un viscido rettile, solo che i serpenti sono intelligenti e lei era una cretina furba), era un’ambiziosa e intrigante. Riuscì a spezzare la carriera di Fedora Barbieri, il vero contralto di quegli anni: la Simionato era un mezzosopranino….. Mario ne era divenuto l’amante per pietà: quando ritenne di aver dato abbastanza e la lasciò, costei riuscì a fargli attorno terra bruciata. Ma credo sia stato una fortuna per Petri: mi ha detto un grande regista e mio amico del cuore, Ruggero Cappuccio: “L’aver recitato con Totò è stato per Petri privilegio non minore che l’aver inciso il Don Giovanni con Karajan!”